15-19 Novembre, Roma

36.FANTAFESTIVAL - Luglio 2016

Fantafestival 2017

Nuovo appuntamento con il cinema fantastico nella 37a edizione del Fantafestival, che dopo molti anni si sposta in inverno. Film e cortometraggi provenienti da ogni parte del mondo si contenderanno il Pipistrello d’Oro, assegnato dalla giuria nell’ultima serata.

New appointment with fantastic cinema for the 37th edition of Fantafestival, for the first time in many years in winter. Features length movies and shorts from all over the worlds will run for the Golden Bat, given by the jury on the last evening.

La mano sinistra

di/by: Francesco Ritalamanosinistra

Con/Cast: Emiliano Argentero, Adele Tirante, Alice Arif

Sceneggiatura/Screenplay: Francesco Rita

Fotografia/Cinematography: Juri Fantigrossi

Montaggio/Editing: Davide La Porta

Effetti Speciali/Special Effects: Stefano Argentero

Musiche/Music: Francesco Rita, Francesco Lucarelli, Vasco Maria LIvio

Produzione/Production: Marta Vespignani

Anno di realizzazione/Year: 2015

Durata/Film run: 14’

Nazionalità/Country: Italy

Sinossi: Pino è un bambino triste, ha dieci anni e non ha la mano sinistra. Fa il chierichetto in chiesa, i suoi compagni lo deridono e i suoi genitori lo ignorano. Ama segretamente una sua compagna di scuola ma il suo handicap lo trattiene dal fare qualsiasi cosa per cambiare la sua condizione. Quando scopre che sotto la chiesa, nella cripta, risiedono delle reliquie sacre (tra cui una mano) decide di rubare l’arto che gli manca. Dopo essersi cucito la mano santa scopre che questa ha dei poteri magici e cerca di conquistare prima l’amore della bambina e poi i l’affetto dei suoi cari. Fallisce e decide quindi di rubare tutte le altre reliquie e di tentare il tutto per tutto ma, ormai mostro, sembra non esserci più alcuna possibilità per lui. In fuga dalla furia dei genitori si rifugia nella sua camera e si trova faccia a faccia con l’Arcangelo Gabriele che lo intima a restituire ciò che ha rubato affinché il bambino torni a vivere la sua vita così come gli era stata donata dal signore. Indemoniato e furibondo, Pino spinge l’arcangelo fuori dalla finestra della sua camera e gli ruba l’aureola. Benché egli sia ancora un mostro, l’aureola sottratta all’arcangelo lo trasforma improvvisamente in un santo agli occhi dei suoi cari che, ormai intimiditi dal figlio, lo venerano come fosse una divinità. Finalmente Pino può dirsi felice…

Synopsis: Pino is a sad child, he’s ten years old and doesn’t have his left hand. He is an altar boy in the church, His friends laugh at him and his parents ignore him. He is secretly in love with a girl but his handicap prevent him from doing anything to change its condition. When he discovers that under the church, in the crypt, there are a few of sacred relics (including a hand) decides to steal the limb that he doesn’t have. After sewing the holy hand he discovers that this hand has magical powers and tries to conquer the girl’s heart and the sympathy of his beloved ones. Groped for broke, but since he is now a monster, there seems to be no possibility for him. Fleeing from the fury of parents took refuge in his room and comes face to face with the Archangel Gabriel that intimate him ti give back the stolen relics according to the lord’s willing. Furious, Pino pushes the archangel out of the window, stealing the halo as well. Although he is still a monster, the halo stolen from the archangel turned him into a saint, to his beloved’s eyes. In the end, his parents, suddenly intimidated by the boy, started to worship him, as If he was a god. Now Pino can be happy…